Costantinopoli Hard Fork

E’ ufficiale, il prossimo hard fork su Etheruem ( Costantinopoli ) avverrà al blocco numero 7080000 che coincide con il 16 gennaio 2019. Tra le novità introduce la riduzione del premio di blocco da 3 a 2 ether. Ciò influirà sulla inflazione, ovvero sul numero di ether in circolazione che saranno molti di meno . 

All-core-devs call: Ethereum Constantinople upgrade happens at block 7080000 around January 16, 2019.— Afri 🌩️ (@5chdn) 7 dicembre 2018


Le Stablecoin

Qualcuno di voi avrà sentito parlare delle Stablecoin. Ma cosa sono ? Tutti voi sapranno che il mercato cripto è “aperto” sempre 24 ore su 24 7 giorni su 7…. insomma 365 giorni l’anno !

Come fa questo sistema a “incastrarsi” con quello bancario (ovvero quello tradizionale con le banche che chiudono il venerdì e riaprono il lunedì) ?

Immaginiamo quindi di aver rinunciato ad una bel sabato di sole e di voler fare un po’ di trading. Se ci capitasse di spostare dei dollari/euro da un exchange all’altro saremmo costretti ad usare la criptovaluta o aspettare il lunedì fare un bonifico dall’exchange 1 alla nostra banca, attendere che arrivino i soldi tra martedì e mercoledì e quindi inviare una certa somma presso l’exchange 2 che riceverebbe la somma di denaro tra la metà e il fine della settimana in corso.

Tutto ciò è accettabile in un mercato come questo, che si muove ad una velocità nettamente superiore rispetto a quello tradizionale ? Direi di no !

Infatti anni fa nasce la prima stablecoin: Tether . Tether è stata utile per molti anni a molti trader in quanto con il suo rapporto 1:1 con il dollaro è riuscita a rendere agile lo spostamento di denaro tra gli exchange. Tuttavia anni dopo e per diverse problematiche legate soprattutto alla sua solvibilità in dollari (Tether ha i soldi che dice di avere ? Dubbio mai completamente risolto) sono nate altre stablecoin “certificate” la cui solvibilità è garantita sia da banche USA, sia da report certificati da parte di enti USA sulle banche stesse ( così siamo sicuri che i soldi ci sono !)

Notizia di ieri che uno tra i più grandi cambi al mondo ha aperto a queste nuove stablecoin. Questa è una notizia da non sottovalutare per due aspetti 1) Il cambio in questione è stato fino adesso il principale utilizzatore di Tether 2) Tutte le nuove stablecoin “certificate”sono emesse e gestite attraverso la rete Ethereum. Da qui è facile dedurre che con il tempo arriverà una difussa “dollarizzazione” delle cripto e che il prossimo passo sono le azioni…

Spunti di riflessione

Un messaggio alla community di Ethereum Italia dall’ Admin. Sono dentro ad Ethereum fin dall’inzio, dal 2014.

Ho iniziato ad interessarmi ad Ethereum leggendo e traducendo la documentazione tecnica quando tutto il progetto era ancora soltanto un testo su pdf e non era stato sviluppato per nulla, direi allo 0%. Ho visto fasi di mercato/interessi/umori molto altalenanti nel corso degli anni. I momenti più topici sono stati:

1) IL LANCIO – ricordo che nel 2015 quando fu lanciato il prezzo salì da pochi centesimi a 20 dollari nel giro di qualche ora per poi tornare indietro e starci per lunghi mesi

2) MOMENTO 10 DOLLARI piano piano il prezzo si è stabilizzato attorno a questa cifra tentando di sfondare i 20 dollari e poi…

3) MOMENTO DAO dai 17 dollari ai 5 dollari in pochissimo tempo quando c’è stato il famoso DAO hack , ovvero l’hack del più importante smart contract dell’epoca che aveva raccolto milioni e milioni di dollari

4) MOMENTO BACK TO 10 DOLLARI questo periodo è durato tantissimo e sembrava che Ethereum fosse destinato ad una lunga agonia prima della morte del progetto

5) MOMENTO FOMO ALL, detto anche MOMENTO ICO inizia il 2017 e le ICO giocano un ruolo fondamentale nella bolla del prezzo di Ethereum che fanno arrivare il prezzo a 1400 usd in soli 12 mesi

6) MOMENTO ATTUALE – vedi momento 2 e 3. L’attuale periodo è di piena stagnazione. Quest’anno abbiamo conteggiato 12 mesi di mercato orso in cui i prezzi sono tornati ad una base solida e “razionale” direi per lo stato delle cripto. Immagino che passerà ancora diverso tempo per trovare una stabilità utile a permettere che i grossi investitori Istituzionali comprino a prezzi stracciati da quelli “retail” per intenderci tutti noi. Nel frattempo le grosse istituzioni hanno costruito i punti di ingresso affinché Wall Street possa accogliere a braccia aperte la Finanza che conta. Quindi… direi di non disperare anche perché a livello tecnologico Ethereum non è stato mai così avanti ! Il 2019 vedrà grossi sviluppi tecnici che traghetteranno Ethereum stesso verso il POS e lo Sharding, ovvero la scalabilità !!!

Vi ho raccontato quello che ho visto con i miei occhi un po’ per cercare di farvi focalizzare non sul dito, ma sulla luna. Siate pazienti in questo momento e non disperate 😉